Che cosa è l’endodonzia

L’endodonzia è un ramo della medicina odontoiatrica che si occupa, in maniera specifica, delle cure e degli interventi terapeutici sull’endodonto ovvero – come suggerisce lo stesso nome – lo spazio che risiede all’interno del dente, la polpa dentaria a sua volta costituita dalle cellule, dai vasi e dai nervi. Cerchiamo allora di comprendere quali siano le fasi della terapia endodontica e quando è possibile o ritenuto opportuno avere accesso a questa tipologia di intervento.

La terapia endodontica è consigliata nelle lesioni più gravi, ovvero per quelle che – in seguito a profonde carie o a traumi – provocano una alterazione irreversibile del tessuto della polpa dentaria, fino a provocare una situazione di necrosi. In altri casi, si ricorre a tale terapie quando il paziente è coinvolto in riabilitazioni protesiche che coinvolgano l’elemento dentario a causa della sua significativa riduzione.

Ne consegue che i principali interventi endodontici riguardano i trattamenti canalari, le devitalizzazioni di denti profondamente cariati, le pulpotomie, le apicificazioni, gli incappucciamenti della polpa, e ancora gli interventi chirurgici di endodonzia che abbiano come finalità il trattamento di malattie del periapice, come ad esempio gli ascessi e granulomi, da trattare mediante la creazione di un lembo, la cura della lesione e l’otturazione per via retrograda.

La terapia si svolge attraverso delle fasi successive. Il primo step è certamente relativo all’accesso alla camera pulpare, con il quale il dentista riesce a giungere al contenuto dell’elemento dentario. Successivamente, si procede alla sagomatura, utilizzando alternativamente gli strumenti manuali o quelli meccanici. La terza fase è rappresentata dalla detersione del canale radicolare, che viene pulito attraverso alcuni irriganti come l’ipoclorito di sodio o l’acqua ossigenata. Infine, si provvede a sigillare tridimensionalmente le strutture del canale mediante una gomma termoplastica. Una volta terminata anche l’ultima fase, il dentista effettua dei controlli radiografici per monitorare l’efficacia del proprio intervento.

Lascia un commento